Home / NEWS ECONOMIA / Il tuo dipendente o il tuo capo sta mentendo? Ecco come scoprirlo

Il tuo dipendente o il tuo capo sta mentendo? Ecco come scoprirlo

Ci sono dei segnali inconfutabili che ci dicono se il nostro interlocutore sta, o meno, mentendo. Sappiamo, infatti, che il linguaggio del corpo aiuta a capire molto e ci sono dei chiari segnali che rivelano che chi parla con noi è un disonesto.

Se si desidera scoprire se il proprio dipendente, o talvolta il proprio capo, sta mentendo, basta guardare alcuni segnali fisici: di solito, chi mente suda, respira in maniera irregolare, appare nervoso e così via. Guardando questi dettagli, quindi, si può cercare di capire se chi ci è dinanzi mente o meno. Ebbene sì, ci si può basare anche solo su indizi fisici, che sono dei veri e propri campanelli di allarme. Ecco una lunga lista da cui prendere spunto.

Indizi per capire se qualcuno mente

La prima cosa a cui fare attenzione è come l’interlocutore muove la testa. Solitamente, infatti, chi mente tende a muovere di scatto la testa. Pertanto, nel caso in cui vediate qualcuno che improvvisamente muove la testa mentre gli viene posta una domanda diretta, allora potrebbe trattarsi di un mentitore. Su un noto libro, The Body Language of Liars, di Lillian Glass, viene detto:

“La testa sarà ritratta o tirata indietro di scatto, inclinata in basso, o piegata, o girata su un lato”.

Bisogna, quindi, fare molta attenzione a questo dettaglio se si vuole stanare un mentitore.

persona che mente Il tuo dipendente o il tuo capo sta mentendo? Ecco come scoprirlo

Altro segno da prendere in considerazione riguarda il ritmo del respiro, che cambia facendosi affannoso. Se si mente, probabilmente il respiro inizia a diventare pesante, si tratta di un’azione incontrollabile. A questo dettaglio, si aggiungono di solito le spalle che si alzano, il tono di voce che cambia, diventando più basso. Nel libro si legge:

 “In sostanza hanno il fiato corto perché il loro battito cardiaco e flusso di sangue cambia. Il corpo sperimenta questo tipo di cambiamenti quando si è nervosi e ci si sente in tensione, quando si mente”.

Anche il ripetere delle frasi con insistenza può essere un segnale, perché è sintomatico che qualcosa sta accadendo e che il mentitore vuole in primis convincere se stesso della propria bugia.

Altro segnale di allerta è quello di coprirsi la bocca. Nel libro la Glass dice:

“Un segno rivelatore di chi sta mentendo è che quella persona metterà automaticamente le mani sulla sua bocca quando non vuole affrontare una questione o rispondere a una domanda”.

Nello specifico, quando si tende a farlo in una discussione delicata, significa che la verità non è detta del tutto o che si stanno dicendo delle bugie. Un gesto del genere, in poche parole, significa che si desidera chiudere la comunicazione, proprio perché si sa che si sta mentendo.

Va da sé che se qualcuno fa fatica a parlare ed esprimere concetti, allora c’è qualcosa che non va. Solitamente, poi, quando un bugiardo va sulla difensiva, tende anche a puntare il dito e questo è un altro dettaglio da prendere in considerazione.

Imparando quali sono i gesti che solitamente identificano chi sta mentendo, si può cercare di capire chi è effettivamente onesto e chi, invece, non lo è.

 

About Laura F.

Check Also

Dove aprire una nuova azienda? In questi 10 paesi è più facile

Spesso ci si domanda dove è più conveniente aprire una nuova azienda. Di sicuro, in molti …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *